“Bambino Gesù: Tre adolescenti morti dopo il vaccino!”, ma è una bufala.

“Bambino Gesù: Tre adolescenti morti dopo il vaccino!”, ma è una bufala.

Agosto 19, 2021 Off Di Redazione

Circola in rete la schermata di un post Facebook in cui un utente racconta della morte di tre adolescenti subito dopo aver ricevuto il vaccino presso l’ospedale Bambino Gesù di Roma. Si tratta di una macabra bufala.

bambino gesù

La fake news si è rapidamente diffusa non solo attraverso Facebook, ma anche Twitter e Telegram, in particolar modo nei gruppi NoVax con questo testo:

«Ma cosa giudicate se non sapete che caxxo si prova a vedere tua figlia che non respira, cianotica, senza battito cardiaco per un maledetto siero sperimentale???? Può accadere ai vostri cari e che fate…. poi capite???? Non si può morire a 16 anni. Ieri ero al Bambino Gesù di Roma Gianicolo e stavano portando in camera mortuaria tre adolescenti morti perché il giorno prima avevano fatto la prima dose di questa merda….a me non ha fatto nulla ma i ragazzini li devono lasciare stare …. Basta perché chi non comprende lo mando affanculo».

Immediata la replica da parte della struttura che ha subito smentito l’accaduto, come riporta questo articolo di Repubblica, che attraverso la pagina Facebook della struttura scrive:

bambino gesù

Ci sono arrivate segnalazioni su una notizia totalmente falsa che starebbe circolando qui su Facebook e su altri social. La fake news riferisce della morte di tre ragazzi che sarebbero deceduti nel nostro Ospedale a causa della somministrazione del vaccino anti Covid19. La notizia, ovviamente, è assolutamente priva di qualsiasi fondamento, ma resta la grave responsabilità di aver inventato e messo in circolazione questa falsità. Per questo motivo abbiamo già provveduto a segnalare l’accaduto e i profili coinvolti all’assistenza di Facebook, allertando contemporaneamente il nostro ufficio legale. Nessun evento avverso significativo si è registrato nel nostro Ospedale in seguito alla somministrazione del vaccino. La vaccinazione – cogliamo l’occasione per ribadirlo – resta l’arma più efficace e sicura per proteggere anche i ragazzi dalle conseguenze più gravi del Nuovo Coronavirus. Grazie a tutti coloro che ci hanno segnalato questa fake news.

Come ripetiamo sempre, una schermata non è una notizia. Se vi trovate di fronte a screenshot simili il consiglio è quello di verificare la notizia su testate accreditate o, quando possibile come in questo caso, direttamente sui canali ufficiali delle strutture coinvolte.