BUFALA Introdotta in Italia la Pena di Morte per reati di MAFIA e PEDOFILIA. È LEGGE!

BUFALA Introdotta in Italia la Pena di Morte per reati di MAFIA e PEDOFILIA. È LEGGE!

Marzo 17, 2017 0 Di bufalepertuttiigusti

pena di morte

Introdotta la pena di morte per reati di pedofilia e mafia in Italia? No, si tratta solo di una bufala pubblicata sul sito LA NOZIONE (attenzione NON LA NAZIONE) in questo articolo:

Introdotta in Italia la Pena di Morte per reati di MAFIA e PEDOFILIA. È LEGGE!

Il governo italiano ha finalmente deciso di picchiare duro contro la criminalità organizzata. Nonostante sia una lotta che vada avanti da decenni, non si è riusciti mai a fare un passo avanti contro la criminalità concreto. Le mafie stanno governando l’Italia, facendo affari da nord a sud, riciclando denaro, uccidendo, e controllando il territorio. Così l’Italia ha voluto dare un contributo serio, e tentare di dare una scossa alla situazione. Da oggi infatti sarà prevista, per tutti i reati che riguardano la mafia, l’introduzione della pena di morte. Chi verrà condannato per reati di mafia, compreso solo il favoreggiamento dell’associazione mafiosa, potrà essere condannato a morte.

A parlare è Aldo Carcerini, deputato del PDi, che dice: “Speriamo così di dare una scossa alla situazione. Le mafie non ci temono, e governano indisturbate, e lo stato sta letteralmente fallendo. Vedremo adesso se avranno voglia di fare tanto gli spiritosi. Lo stato deve rispondere con durezza e fermezza, o rischia di essere spazzato via da mafie e corruzione.”

Il testo prevede la possibilità, qualora si verificasse, che la pena di morte venga estesa, a discrezione del giudice, anche a chi ha commesso reati di pedofilia: “Chi tocca i nostri bimbi, non merita di vivere. Chi dice il contrario, dovrebbe fare la stessa fine. Non c’è differenza tra un mafioso e un pedofilo!”

Nessuna legge del genere è stata approvata in Italia, come è possibile verificare sulla GAZZETTA UFFICIALE. L’Italia è stato uno dei primi paesi ad abolire la pena di morte:

La Costituzione italiana, approvata dall’Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947 ed entrata in vigore il 1º gennaio 1948, abolì definitivamente la pena di morte per tutti i reati comuni e militari commessi in tempo dipace. La misura venne attuata con i decreti legislativi 22 gennaio 1948, n. 21 (Disposizioni di coordinamento in conseguenza dell’abolizione della pena di morte) e n. 22 (Ammissibilità del ricorso per cassazione proposto dai condannati alla pena di morte).

successivamente lo stato italiano ha sancito l’abolizione della Pena di Morte:

L’Italia ha poi ratificato il protocollo n. 13 alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, relativo all’abolizione della pena di morte in qualsiasi circostanza, sottoscritto aVilnius il 3 maggio 2002.[16] La legge costituzionale 2 ottobre 2007, n. 1 (Modifica all’articolo 27 della Costituzione, concernente l’abolizione della pena di morte), modificando l’art. 27 della Costituzione della Repubblica Italiana ha eliminato le residue disposizioni in tema (eliminando l’ultimo residuo di previsione da parte di leggi militari di guerra), sancendo per via costituzionale la non applicabilità.[17] La pena di morte, contemplata nell’art. 17 e nell’art. 21 del codice penale italiano[18] è oggi da ritenersi abrogata nelle parti in questione.

Non esiste alcuna proposta di legge che voglia reintrodurre la pena di morte in Italia, ma si tratta unicamente di una bufala.

La Nozione è un sito satirico ed a piè di pagine su può leggere questa dichiarazione:

Lanozione.com non è contraddistinto da una testata e viene aggiornato senza alcuna periodicità regolare. Esso non costituisce “prodotto editoriale” ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62, né si applicano allo stesso le disposizioni previste per la stampa, ivi incluse le norme di cui alla legge 8 febbraio 1948, n. 47. Lanozione.com è un sito satirico e quindi alcuni articoli contenuti in esso non corrispondono alla veridicità dei fatti. La redazione non intende minimamente offendere nessuno. Testi, video e immagini inserite e contenute in questo blog sono tratte da internet e pertanto, considerate di pubblico dominio. E’ possibile utilizzare gli articoli contenuti in questo sito solo se esplicitamente citata la fonte tramite link di collegamento. ATTENZIONE, questo sito non riconducibile in nessun modo al giornale “La Nazione”.