LA BUFALA: PESCE MAIALE PESCATO A PORTO CESAREO

LA BUFALA: PESCE MAIALE PESCATO A PORTO CESAREO

Febbraio 23, 2016 0 Di bufalepertuttiigusti

Untitled-1 copy

Un fotomontaggio realizzato come pesce d’aprile si trasforma sul web in una scoperta rivoluzionaria.

L’immagine di un pescatore che mostra un ” pesce maiale ” rispunta ciclicamente sul web sotto varie forme: quella del ritrovamento di un “pesce mutante“, gli effetti dell’inquinamento sulla fauna marina ed infine quella dell’incredibile scoperta di una nuova specie. Stavolta, nonostante fosse abbastanza evidente si trattasse di un falso, la versione più condivisa di questa bufala racconta di un pescatore di Porto Cesareo, in Puglia che avrebbe pescato un esemplare incredibile di “pesce maiale”, specie mai pescata prima.

La bufala parte da una pagina facebook che la pubblica per la prima volta il 1 Aprile 2010, data in cui notoriamente si è soliti fare i cosiddetti “pesci d’aprile”, ma come spesso accade, la rete si appropria dell’immagine che inizia rimbalzare sul web da una parte all’altra del globo in una sorta di telefono senza fili 2.0.

In breve tempo la storia cambia diventando “la foto di un pescatore texano”, poi Messicano e cosi via, fino a che non è l’autore della foto a pubblicare sul web l’immagine originale ritoccata poi al Photoshop ovvero questa:

unnamed-3-512x383

La foto originale è stata probabilmente presa da questo sito. Per risalire all’originale è stato sufficiente eseguire una rapida ricerca grazie ad una funzione poco nota (ma utilissima) di google ovvero “la ricerca immagini” direttamente dalla pagina facebook.

Per verificare se una foto è stata rubata dal web infatti, spesso basta posizionare il cursore sull’immagine, cliccare il tasto destro del mouse e selezionare la voce “cerca questa immagine su Google”. I risultati della ricerca vi diranno chiaramente da dove proviene l’immagine in questione.

Come sempre, il consiglio che sentiamo di dare a tutti è quello in primo luogo di non credere a tutto quello che appare sullo schermo del vostro pc, tablet o smartphone solo perché esiste un link che lo dice, fatevi sempre domande, non limitatevi a leggere i titoli delle notizie e cercate di conoscere sempre la verità su tutto.