Giorgia Meloni che ride alla domanda sulla legge contro l’omotransfobia è un fake

Giorgia Meloni che ride alla domanda sulla legge contro l’omotransfobia è un fake

Settembre 27, 2022 Off Di Redazione

Diciamolo subito, il video che circola in queste ore sui social in cui si vede Giorgia Meloni scoppiare a ridere alla domanda di Maurizio Costanzo sul tema dell’omotransofobia, è falso. Seppur realizzato in maniera credibile, il filmato non mostra uno spezzone reale della puntata del Maurizio Costanzo Show in cui la leader di Fratelli d’Italia era ospite, ma una serie di inquadrature e spezzoni audio montati ad arte da Alessio Marzilli con finalità satiriche.

Basta cercare on line la puntata integrale del programma risalente al 25 Marzo 2021, per constatare che questa scena che vedrebbe protagonista la Meloni, non c’è.

I video satirici di Alessio Marzilli

Il video infatti venne mostrato in tv da Diego Bianchi nel 2021, nel suo programma Propaganda Live ed è attualmente presente sul canale Youtube di La7 Attualità. Ecco il momento in cui i due conduttori lo mostrano in onda:

Il conduttore insieme al fumettista Makkox hanno spesso mostrato nel corso del programma altri montaggi satirici realizzati dallo stesso autore (sempre con scopi satirici) come il video della (falsa) reazione di Salvini alle domande di Giletti o quello della (falsa) scena muta di Matteo Renzi alle domande in inglese di una giornalista.

Come ha davvero risposto la Meloni

A seguito del risultato elettorale, questo spezzone ha ripreso a circolare, suscitando la reazione indignata di molti utenti che hanno creduto che il filmato fosse autentico, rilanciandolo a loro volta sui social. Quindi no, Giorgia Meloni non è scoppiata a ridere alla domanda di Maurizio Costanzo sulla necessità di fare una legge sull’omotransfobia.

Come è possibile vedere nel video che riporta l’intervista integrale la Meloni risponde alla domanda chiarendo la sua posizione in merito e non come viene mostrato in questo video satirico.

Clicca qui per leggere le bufale sulla politica