Ecco cosa sono gli AD CREDITS donati da Zuckerberg ai terremotati

Ecco cosa sono gli AD CREDITS donati da Zuckerberg ai terremotati

Agosto 31, 2016 0 Di bufalepertuttiigusti

zuckerbergIL FONDATORE DI FACEBOOK DONERÀ 500 MILA EURO AI TERREMOTATI ITALIANI, MA NON SI TRATTA DI “DENARO VERO”. ECCO COSA E’.

La notizia si è diffusa a macchia d’olio soprattutto in rete: Mark Zuckenberg, Amministratore delegato nonché inventore di Facebook farà una donazione di 500.000 euro in favore della Croce Rossa Italiana impegnata nei soccorsi alle vittime del tremendo terremoto che ha colpito principalmente le cittadine di Accumoli, Amatrice ed Arquata del Tronto.

Sul sito della C.R.I si legge della reazione avuta dall’inventor e del social più famoso del mondo alla notizia del terremoto:

Quando ho saputo del terremoto sono stato molto triste – ha detto – la prima reazione è stata chiedersi se c’era una qualsiasi cosa da fare per aiutare. Ci siamo chiesti cosa può fare Facebook e la cosa più importante è il nostro safety check, con il quale ogni volta che c’è un disastro si può dire ai propri amici che si sta bene”.

e prosegue:

“Ma volevamo fare di più e abbiamo iniziato a lavorare con la Croce Rossa. Abbiamo donato 500mila euro di advertising e messo a loro disposizione la piattaforma di Facebook per tutto quello che possa loro servire.”

La notizia rimbalza immediatamente sulle testate dei principali giornali italiani, nei titoli dei tg e sui siti di informazione che sintetizzano annunciando al mondo che: “Zuckenberg donerà 500.00 euro ai terremotati”. Questa sintesi però non è corretta.

Non si tratta infatti di denaro liquido utilizzabile dalla Croce Rossa Italiana per l’acquisto di beni o materiali utili ai soccorsi, ma di Ad Credits del valore di mezzo milione di euro.

Gli Ad Credits sono una sorta di “moneta virtuale” utilizzabile per l’acquisto di pubblicità su Facebook. In pratica la Croce Rossa Italiana potrà usufruire di un credito di 500.00 euro per pubblicizzare attraverso banner sul social le sue attività come spiegato direttamente da Zuckerberg durante il suo incontro con gli studenti della Luiss qualche giorno fa in cui ha dichiarato:

“Facebook Italia donerà 500mila euro sotto forma di AD credits alla Croce Rossa che potranno essere utilizzate sulla piattaforma Facebook per promuovere le attività di cui c’è maggiore bisogno: raccolta fondi, ricerca di volontari, richiesta di donazione di sangue, mettersi in contatto con le persone che hanno bisogno di un posto in cui stare”.

Si tratta quindi di una donazione sotto forma di servizi del valore di 500.000 euro, che potrà essere comunque molto utile alle popolazioni colpite dal sisma come dichiarato dal Presidente CRI, Francesco Rocca:

“Ringrazio il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg che, ancora una volta come in passato, non è rimasto indifferente al dolore di una comunità e ha contribuito nel modo più congeniale al suo social network, utilizzandolo come naturale moltiplicatore della solidarietà che permetterà alla Croce Rossa Italiana di assistere le vittime del terremoto del centro Italia”

Tuttavia questo non è bastato a calmare le polemiche dei tanti che in rete stanno manifestando il loro dissenso per questa forma di donazione, giudicata da molti un modo subdolo di farsi pubblicità. Ammesso che Facebook ne abbia bisogno.