BUFALA Ultima Ora: morto Enrico Papi in un tragico incidente

BUFALA Ultima Ora: morto Enrico Papi in un tragico incidente

Giugno 14, 2017 0 Di bufalepertuttiigusti

Enrico Papi

Enrico Papi ha avuto un tragico incidente mortale? Assolutamente no, si tratta solo della classica bufala della morte di un personaggio pubblico. Il popolare conduttore di Sarabanda non ha avuto alcun incidente in moto, anzi sta bene ed è recentemente tornato in tv.

La bufala parte dal sito news24roma.com che pubblica questo articolo dove si legge:

Ultima Ora: morto Enrico Papi in un tragico incidente

È venuto a mancare in seguito ad un tragico incidente Enrico Papi, noto per la celebre trasmissione degli anni 90′ Sarabanda. Si trovava a bordo della sua Harley Davidson 883 intorno alle 22.00 quando ha violentemente colpito un Tir che viaggiava contromano sul Raccordo Anulare di Roma.
Immediato l’arrivo dei soccorsi che però nulla hanno potuto davanti al violento impatto. L’autista del Tir, Marco Corrosa, pregiudicato Romano di 37 anni è stato trovato in stato di ebrezza ed è ora sotto stato di fermo.

Nulla di tutto questo è mai accaduto, è solo una bufala pubblicata da questo sito che, ovviamente non è una testata giornalistica accreditata, ma un sito in word press realizzato anche in maniera piuttosto sommaria.

Basta guardare in basso, dove è indicato l’indirizzo email per contatti per farsi un idea del sito:

L’indirizzo che si legge ovvero contact@yoursite.com è quello che appare di default nel template e che poi andrebbe sostituito con quello realmente utilizzato.

Il consiglio resta sempre lo stesso: informatevi attraverso testate giornalistiche accreditate e diffidate dai link con titoli troppo eclatanti.

Spesso uno sguardo un po più attento basta a capire se ci si trova di fronte ad un sito attendibile o meno. Controllate che il nome del sito non sia un miscuglio di parole che riporti ai nomi di testate accreditate e che gli articoli rispondano alla regola delle 5W.

Nel dubbio potete verificare se il sito che state visitando è presente nella nostra lista dei siti diffusori di bufale.