Bufala i portachiavi con microchip regalati dai rumeni

Bufala i portachiavi con microchip regalati dai rumeni

Settembre 23, 2016 0 Di bufalepertuttiigusti

portachiavi

Arriva attraverso un messaggio whatsapp la nuova versione della bufala dei portachiavi con gps regalati ai parcheggi. Il messaggio che circola sui nostri smartphone è il seguente:

Comunicato ASCOM
ATTENZIONE,
IN QUESTI GIORNI VENGONO DISTRIBUITI DEI PORTACHIAVI DA AGGANCIARE ALL’INTERNO DELLA VOSTRA AUTO; LE PERSONE VE LI OFFRONO GRATUITAMENTE PRESSO I PARCHEGGI O I DISRIBUTORI DI CARBURANTE. NON ACCETTATELI…ESSI CONTENGONO UN MICROCHIP ALL’INTERNO DEI GADGET.
QUESTI DELINQUENTI POI VI SEGUONO FINO A CASA E VENGONO A CONOSCENZA DEI VOSTRI MOVIMENTI PER EFFETTUARE INTRUSIONI E FURTI.
SECONDO LA POLIZIA SI TRATTA DI BANDE DI RUMENI.
DIVULGARE, PER LA SICUREZZA, ANCHE AI VOSTRI PARENTI.
Fallo girare

Questa bufala circola ormai da anni in rete e sicuramente molti ne avranno già sentito parlare, o gli sarà arrivata a suo tempo via email. Innanzitutto la ASCOM ovvero l’Associazione Commercianti non ha mai diramato questo comunicato e semmai avesse voluto farlo non avrebbe mai potuto inviare un simile messaggio attraverso Whatsapp violando la privacy di chi lo riceve. Come sarebbero inviati poi questi messaggi? In maniera casuale? I numeri telefonici da dove sarebbero presi?

Soprattutto non si spiega perché l’Associazione dei Commercianti dovrebbe informare la cittadinanza di una truffa compiuta nei parcheggi e non all’interno di negozi.

Stesso discorso per quanto riguarda la Polizia che attraverso i suoi canali ufficiali non ha mai allertato la cittadinanza difronte ad un simile pericolo.

Ragionando poi sul funzionamento della truffa indicata si notano molte cose che non tornano: Perché mai una banda di ladri d’appartamento dovrebbe spendere soldi per acquistare centinaia se non migliaia di portachiavi per regalarli agli automobilisti per scoprire dove abitano e non seguirli banalmente fino a casa, risparmiando tempo e denaro? 

Difficile credere che degli zingari dispongano di una centrale operativa di tale portata e tecnologia da monitorare CONTEMPORANEAMENTE centinaia di dispositivi gps in giro per l’Italia, per non parlare del fatto che di fatto nessuno ha mai incontrato nessuno di questi fantomatici benefattori che regalano portachiavi alla gente senza motivo.

Insomma si tratta di una vera e propria leggenda metropolitana basata letteralmente sul nulla.

LEGGI TUTTE LE BUFALE SU WHATSAPP