BUFALA O È LA PIÙ SFORTUNA BAMBINA DI ALEPPO O I MEDIA CI PRENDONO IN GIRO

BUFALA O È LA PIÙ SFORTUNA BAMBINA DI ALEPPO O I MEDIA CI PRENDONO IN GIRO

Dicembre 29, 2016 0 Di bufalepertuttiigusti

ALEPPO

Un disgustoso composit fotografico insinua che la situazione ad Aleppo non sia come tutti sappiamo, ma si tratti di una montatura dei media. Il post parte dalla pagina Facebook Avanguardia Nera ed è corredato da questa didascalia:

I CASI SONO DUE : O È LA PIÙ SFORTUNA BAMBINA DI ALEPPO O I MEDIA CI PRENDONO IN GIRO. FATE VOI … (mauri)

La fotocomposizione, su cui campeggia la scritta “CI STANNO PRENDENDO IN GIRO?”, mostra tre momenti che documentano il salvataggio di una bambina estratta dalle macerie, insinuando che la stessa bambina si stata utilizzata come finta vittima della guerra in tre foto diverse.

Il post, che vedete qui sotto, è stato già condiviso da quasi 6000 persone, suscitando ovviamente i commenti e le reazioni degli utenti.

cattura

Siamo soliti trattare le notizie con la massimo distacco, ma sciacallare sulle macerie di una città distrutta, dove sono state appena rinvenute delle fosse comuni, dove sono morte decine di migliaia di persone, alcune dopo atroci torture ci sembra veramente un atto vile.

Le tre foto messe una di fianco all’altra sono state scattate a pochi secondi di distanza una dall’altra e documentano il passaggio di braccia in braccia della bambina da parte dei soccorritori, in una catena umana.

L’uomo con il casco bianco ha appena estratto dalle macerie di un palazzo due bambini ed appena fuori le ha consegnate alle mani di un altro soccorritore, tornando immediatamente all’interno alla ricerca di altre vittime, prima che il palazzo crolli.

Il secondo a distanza di sicurezza ha affidato la bambina ad un altro volontario che l’ha trasportata verso un punto sicuro, dove ha ricevuto i primi soccorsi. Ricordiamo che Aleppo è una città minata, dove si corre il rischio di saltare in aria in ogni momento se non si sa bene dove mettere i piedi.

Anche le condizioni di luce dimostrano che le immagini sono state scattate in sequenza (probabilmente dallo stesso fotografo). La bimba infatti indossa sempre gli stessi vestiti ed in tutte e tre le foto non ha le scarpe.

Anche il più stupido dei complottisti avrebbe dovuto capire che chi avesse voluto ordire questo falso si sarebbe preoccupato almeno di cambiare gli abiti della bambina, ma purtroppo qui è tutto vero.

Troviamo davvero disgustoso questo modo di recuperare condivisioni e visualizzazioni sulla pelle di tanti morti, per cui vi invitiamo a non condividere questa immagine o, se lo avete fatto a rimuoverla in modo da bloccarne la diffusione.