Bufala “Italiani m**de! Fate schifo!” slogan iracondi e manifesti a ROSARNO.

Bufala “Italiani m**de! Fate schifo!” slogan iracondi e manifesti a ROSARNO.

Ottobre 24, 2016 0 Di bufalepertuttiigusti

Italiani merde

La foto di quello che sembra essere un immigrato che protesta in piazza con un cartello su cui si legge ” ITALIANI MERDE” è il fulcro di questa bufala diffusa dal sito NEWS ITALY.

Va detto subito che la foto utilizzata è un fotomontaggio. La foto originale è questa:


Italiani merde

e non è stata certamente scattata a Rosarno. Si tratta di una foto che risale al 2012 scatta a Sydney in Australia in occasione di una protesta di uno sparuto gruppo di persone, a seguito della proiezione del film Innocence of Muslims come ampiamente documentato anche da questa pagina di Wikipedia.

Si tratta quindi di una bufala totalmente inventata.

Le bufale di questo tipo attirano moltissime visualizzazioni perché cavalcano l’indignazione popolare sfruttando i temi caldi del momento come quello dell’immigrazione.

NEWS ITALY è un sito pieno di bufale a sfondo politico sociale, con particolare presenza di bufale sugli immigrati. Il consiglio che vi diamo è sempre quello di provare a verificare le fonti degli articoli prima di condividerli sui vostri profili facebook aiutandone la diffusione virale e di conseguenza, aumentando i guadagni e la popolarità di quelli che mettono in rete le bufale.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE BUFALE SUGLI IMMIGRATI

ECCO IL TESTO INTEGRALE DELLA BUFALA ” ITALIANI MERDE “:

ROSARNO: – Quasi indescrivibile ciò che sta accadendo tutt’ora a ROSARNO nei pressi della Residenza per Ospiti, dove solo alcuni dei migliaia di immigrati sbarcati mensilmente alloggiano.

Centinaia di loro, oggi, sono scesi a protestare contro l’uccisione del loro amico.

Queste le scioccanti parole di uno dei capi manifestanti, che ha poi, senza indugio, chiamato a sè la folla, istigandola contro le forze dell’ORDINE

Nonostante  chi gestisca queste Residenze non si occupi di gestire  i servizi a loro concessi, molto spesso è il primo a subirne la collera.