Bufala Data dell’attacco stabilita a breve scoppierà la guerra

Bufala Data dell’attacco stabilita a breve scoppierà la guerra

Ottobre 19, 2016 0 Di bufalepertuttiigusti

scoppierà la guerra

Basta un titolo eclatante: scoppierà la guerra  ed una buona foto di copertina per creare un link acchiappa click perfetto come in questo caso. Il presidente Obama osserva con aria seria Putin (che però sembra sorridere) ed ecco che ai visitatori di LAST NEWS appare questo articolo:

home

ma cliccando sul link l’articolo ecco che magicamente il titolo cambia e si trasforma in:

scoppierà la guerra copy

Il titolo cambia di gran lungo tono, non si parla più di Terza Guerra Mondiale, ma di 

“Cyber-attacco degli Usa alla Russia”

che è decisamente tutta un altra cosa. Si passa dalla minaccia di un attacco nucleare, lasciato intendere dal titolo alla notizia di una ipotetica azione di spionaggio digitale:

ensione ai massimi livelli, tra Stati Uniti e Russia, mai così alta dai tempi della guerra fredda. Colpa dei presunti attacchi hacker di Mosca e della clamorosa risposta di Washington, che ha fatto trapelare la possibilità di un cyber-attacco a Vladimir Putin. Sul punto si esprime ilgenerale Carlo Jean, esperto di geopolitica e strategie militari, il quale in un’intervista a Il Giorno spiega: “Il cyber attacco americano alla Russia, se ci sarà, verrà sferrato prima delle elezioni presidenziali dell’8 novembre”. Secondo il generale “Washington potrebbe attaccare le centrali elettriche, far saltare la rete dei trasporti o le televisioni. Tutto ciò che è in rete è vulnerabile, persino il sistema pensionistico russo. Dipende solo da quale reazione vogliono far scattare. Gli Usa – sottolinea – hanno la capacità di mettere in ginocchio Mosca con un attacco informatico”.

Incalzato sulla possibilità che gli Usa svelino i tesori detenuti all’estero da Putin, Carlo Jean spiega che “di certo l’effetto non sarebbe devastante. Il presidente gode del favore dell’opinione pubblica“. Il generale, inoltre, esclude che il Cremlino invada i paesi baltici: “È altamente improbabile, proprio perché scatenerebbe la reazione dell’Occidente. La mossa di inviare 140 soldati italiani in Lettonia ha un significato chiaro: la Nato è compatta e pronta a rispondere. Ci sono piani che prevedono la conquista delle capitali di Estonia, Lettonia e Lituania in 36-60 ore, ma gli uomini verdi di Putin, quelli che hanno invaso la Crimea, sanno che troverebbero militari dell’Alleanza ad aspettarli. Gli Usa non permetteranno mai che un membro dell’Alleanza sia invaso senza reagire”.

Cliccando sulla foto inoltre invece di ingrandirsi si va ad una pagina pubblicitaria.

Scoppierà la guerra tra Russia e Usa? Almeno per ora sembra proprio di no. Tranquilli quindi, si tratta solo di un titolo acchiappa click.