BUFALA TROVATO CAPRETTO CON FACCIA UMANA

BUFALA TROVATO CAPRETTO CON FACCIA UMANA

Maggio 2, 2016 0 Di bufalepertuttiigusti

capretto con viso umano

LE FOTO DI UN CAPRETTO AFFETTO DA UN TUMORE DELLA PELLE VENGONO SPACCIATE PER LA SCOPERTA DI ESSERE MITOLOGICO.

Perfino testate accreditate stanno usando la foto di un povero cucciolo di capretto affetto da un “teartoma“, un tumore alla pelle, per attirare visitatori con la “misteriosa” scoperta di un ibrido, ma di misterioso non c’è nulla.

La foto qui sopra è stata pubblicata e condivisa da migliaia di utenti e persino da testate giornalistiche come IL MATTINO raccontando della incredibile scoperta di un animale misterioso nato addirittura “senza cordone ombellicale”, cosa assolutamente impossibile in natura per i mammiferi. In questa seconda immagine reperita facilmente in rete dopo una rapida ricerca invece si vede chiaramente il segno del cordone ombellicale reciso. (Vedi cerchio rosso)

capara di faccia copy

I vari articoli pubblicati in italiano riguardo a questa scoperta partono tutti da questo link del britannico MIRROR, tradotti poi ed “arricchiti” di dettagli pittoreschi per amplificare la curiosità. Ma di fatto non c’è nulla di straordinario nelle fattezze di questo cucciolo di capra. Si tratta di uno dei tanti casi accertati dalla scienza di teartoma alla pelle ovvero un tumore che deforma i tratti del volto di cuccioli nati da rapporti fra animali di specie diversa e spesso non biocompatibili ai fini riproduttivi.

Questi animali spesso nascono morti o vivono molto poco. Ecco spiegato il ritrovamento di questo piccolo animale che di umano non ha nulla, anzi per la verità la testa di questo capretto più che al volto di un bambino somiglia molto di più a Ciubecca, il celebre personaggio della saga di Gerre Stellari.

5599

La bufala quindi riguarda il volto umano dell’animale e non il suo ritrovamento, realmente avvenuto, ma che ribadiamo rientra tra le tante bizzarrie della natura e non ha nulla a che vedere con animali fantastici e scoperte sensazionali.