Bufala ATTENZIONE Guardate Cosa E’ Stato Scoperto Sulla Nostra TESSERA SANITARIA (VIDEO)

Bufala ATTENZIONE Guardate Cosa E’ Stato Scoperto Sulla Nostra TESSERA SANITARIA (VIDEO)

Settembre 26, 2016 0 Di bufalepertuttiigusti

tessera sanitaria

Il sito ZONAGRIGIANEWS (sito fotocopia di News Italias e ) pubblica questo articolo dove annuncia una grande scoperta: “ATTENZIONE Guardate Cosa E’ Stato Scoperto Sulla Nostra TESSERA SANITARIA” ed annuncia anche un video.

Nel link si legge:

La nostra Tessera Sanitaria nasconde qualcosa, guardate qui… Lo sapevate?Oggi vi invitiamo a vedere questo video assurdo, un ragazzo italiano ha scoperto delle cose sconvolgenti sulle nostre tessere sanitarie. Guardate bene la vostra tessera sanitaria nazionale per rendervi conto di ciò che sta dicendo. Sapete dare una spiegazione a tutto questo? Siamo una colonia degli USA? Qualcuno sa rispondere alle domande che si pone questo ragazzo?

Nel video in questione si parla della presenza di codici militari sulla nostra tessera sanitaria e di informazioni segrete contenute nella sua banda magnetica. Si tratta in realtà di una bufala ed anche molto vecchia, spiegata già nel 2014 in questo articolo intitolato “Il famigerato “complotto” del tesserino sanitario” di cui riportiamo un piccolo estratto:

com’è agevole rilevare dal video la questione sarebbe la seguente: siccome il codice a barre e la banda magnetica che sono sul retro della tessera sanitaria (i quali, del resto, non rappresentano altro che nome, cognome e codice fiscale del titolare) sono conformi a determinati “standard di codifica” (MIL-STD 1189 e IATA/ABA, vale a dire, rispettivamente, uno standard di codifica militare americano, uno standard di codifica dell’Associazione Internazionale dei trasporti Aerei e uno standard di codifica bancario), ciò significherebbe che, in qualche modo indistinto e misterioso che non è dato capire, noi che abbiamo il tesserino in tasca saremmo “controllati” e “schedati” dall’esercito americano (alcuni arrivano a scrivere “schedati dal Pentagono“), da una non meglio identificata “aviazione” e, immancabilmente, dalle “banche”.
Badate: parliamo di uno “standard di codifica”, vale a dire di un insieme di regole attraverso le quali lettere e numeri vengono messe insieme in modo da poter essere successivamente riconosciute; cioè, per dirla in modo semplice, del sistema che consente a quel codice a barre e a quella banda magnetica di poter essere lette da un apparecchio che possa ricavarne, all’occorrenza, le informazioni necessarie.

Al termine di questa lucidissima analisi quindi la parte più importante di questo articolo che vi segnaliamo è questa:

Usare lo stesso standard di codifica dell’esercito americano, delle compagnie aeree e delle banche per non significa affatto essere controllati dall’esercito americano, dalle compagnie aeree e dalle banche (né, onestamente, si capisce come ciò sarebbe possibile): vuol dire semplicemente aver scelto di utilizzare le stesse regole che usano loro (regole che evidentemente, sono abbastanza consolidate e affidabili da poter essere definite come “standard”) per mettere insieme lettere e numeri e poterli successivamente “leggere”, cioè riconoscere.

Basta utilizzare la tessera sanitaria in un distributore automatico di sigarette piuttosto che da un tabaccaio per vedere che quella banda magnetica altro non contiene che una copia digitale delle informazioni riportate sul fronte.