“Adidas regala scarpe per la festa della donna”, attenti alla bufala.

“Adidas regala scarpe per la festa della donna”, attenti alla bufala.

Marzo 8, 2021 Off Di Redazione

Se anche voi avete ricevuto tramite whatsapp un messaggio che vi invita a cliccare su un link per ricevere delle scarpe omaggio della Adidas sappiate che è una bufala. L’azienda produttrice di abbigliamento sportivo non ha nulla a che vedere con questi messaggi ed invita gli utenti a non cliccare sul link allegato.

Si tratta di una truffa che si ripropone ciclicamente nella stessa forma, ma abbinata a marchi e prodotti diversi. Come riporta anche Sky Tg 24 in questo articolo si tratta di un tentativo di Phishing:

Il messaggio virale che sta girando in queste ore rimanda a un link con un questionario e la richiesta di una piccola somma per la presunta spedizione. In questo modo in truffatori si impossessano dei dati della carta di credito degli utenti.

Chi vi ha inoltrato il messaggio lo avrà fatto di certo in buona fede credendo di far cosa gradita, motivo per il quale se state leggendo questo articolo sarebbe bene lo inviaste al vostro mittente.

Non è la prima volta che il marchio della Adidas viene usato per una truffa del genere, ma accadde già nel 2018 con una bufala simile di cui ci occupammo in questo articolo.

Adidas non regala scarpe

Come riporta anche Qui Finanza:

La stessa azienda ha fatto sapere che Adidas non regala scarpe per la Festa della donna, e che non esiste alcuna iniziativa pubblicitaria simile. Chiedendo inoltre agli utenti WhatsApp che hanno ricevuto il messaggio di non aprire assolutamente il link per non rischiare di rimanere truffati o condividere ulteriormente una catena che è in realtà una truffa ben studiata.

C’è inoltre un semplice trucchetto per cercare di capire se si è finiti nella rete delle truffe online o si è davanti a una bufala ricondivisa per errore: chiedere alla persona dal cui telefono è partito il messaggio se lo ha inviato volontariamente. E, anche in caso di risposta positiva, con un inoltro della catena fatto in buona fede, sarebbe bene chiedere al proprio contatto che moduli ha compilato e se ha ricevuto davvero il prodotto pubblicizzato.